47 Ronin, la tradizione Giapponese.

Nel 2018 feci il primo articolo sul Giappone, doveva essere il primo di tanti ma ho preso lunga una pausa dall’aggiornare il blog.

Voglio, parlare un po’ del Giappone, parte da un film, 47 Ronin, film che aveva riscosso un discreto successo nel 2013, quando uscì. Mi ricordo di averlo visto semplicemente per la storia di avventura, azione e guerra che raccontava, mi fermali lì.

L’ho rivisto, con una luce del tutto diversa, anni dopo, in lingua giapponese, e capendo la reale storia che ci sta dietro e cosa significa per i Giapponesi la storia dei 47 Ronin; Onore, Rispetto e Lealtà.

È una delle storie di samurai più famose in Giappone, nota anche come “Chushingura”.

Come sempre accade per i prodotti di Hollywood, la storia è stata modificata per renderla più “accattivante” per un pubblico come quello occidentale. In realtà, non si distacca molto dalla realtà ma è stato reso tutto più “spettacolare” dalla macchina cinematografica americana.

Ammetto che il cast è stato, a mio modesto parare, veramente eccezionale. Da Keanu Reeves (Kai), Hiroyuki Sanada (Oishi Kuranosuke) e, un’altro grandissimo attore Giapponese Tadanobu Asano (Lord Kira).

In realtà, il film del 2013 non è il primo che fu realizzato sulla vicenda, un primo film fu fatto durante la seconda guerra mondiale, nel 1941, e rispecchia di più la vera storia. Ho avuto la fortuna di poterlo vedere in lingua originale, ed è stato come tornare indietro nel tempo.

Vi consiglio di prendere seriamente questa storia, i Giapponesi ci tengo molto. Ogni anno, il 14 Dicembre, visitano il tempio per rendere omaggio ai ronin, bruciando bastoncini di incenso (senko) nel cimitero.

La vera Storia, oltre il film.

Nel 1701, Lord Asano, affrontò Lord Kira nel castello di Edo ed estrasse la sua spada. Poiché era vietato usare una spada all’interno del castello, Lord Asano fu condannato a morte e commise un suicidio cerimoniale, il seppuku (suicidio rituale). I fedeli samurai di Asano divennero ronin (samurai senza padrone), ma giurarono di vendicare la morte del loro signore.

Il 14 dicembre 1702, attaccarono Lord Kira nel suo castello e lo uccisero decapitandolo. Il capo dei 47 ronin portò la testa di Kira al tempio di Sengakuji, dove è sepolto Lord Asano.

Per aver violato l’ordine dello Shogun, il quale aveva proibito di cercare vendetta, i ronin dovettero commettere anche essi il seppuku e furono sepolti insieme al loro padrone nello stesso tempio.

Questi eventi hanno avuto luogo a Edo (Tokyo) e oggi i bambini possono visitare la residenza di Lord Kira e il Tempio Sengakuji.

Residenza di Lord Kira (Ryogoku, Sumida-ku)

Nel 1700, il castello di Lord Kira era enorme, occupava un intero isolato, ma rimane solo una piccola parte della proprietà originale. Quando si fa visita oggi, nel cortile dalle pareti bianche, ce un santuario, posto sulla sinistra, onora i servitori di Kira uccisi nell’attacco.

La statua al centro è Lord Kira, seduto e con indosso una veste nera e rossa. In una nevosa notte di dicembre, i 47 ronin, travestiti da ufficiali dei vigili del fuoco, attaccarono il castello ben difeso di Lord Kira, saltarono oltre le mura, uccisero i suoi uomini con le spade e infine trovarono Kira nascosto in un cortile segreto.

Dopo che il capo dei Ronin uccise Kira, tutti insieme portato la sua testa al tempio di Sengakuji e la posero sulla tomba di Lord Asano.

Lord Asano e sua moglie, insieme ai 47 ronin, sono sepolti nel tempio Sengakuji nel quartiere di Takanawa. Quando si entra per la prima volta nell’area del tempio, sulla destra c’è una statua in bronzo di Oishi Kuranosuke (nel film, il suo interprete è Hiroyuki Sanada, uno dei miei attori preferiti), leader dei ronin.

Nella sua mano c’è un rotolo con l’elenco dei 47 ronin. Vi consiglio di fermarvi al museo Ako Gishi Memorial Hall per vedere gli elmi, le maschere e le armature originali dei samurai e due statue di Oishi e del figlio adolescente Chikara.

Inoltre, in un edificio separato c’è una spettacolare esposizione di 47 statue in legno di ogni ronin. Sul sentiero per il cimitero, si passa vicino a un pozzo. Quando i servitori di Asano tornarono al tempio con la testa di Kira, la lavarono prima in questo pozzo, prima di portarla al cimitero.

Al cimitero, sul lato destro ci sono due tombe: Lord Asano e sua moglie. Se si continua a camminare ulteriormente, e si salgono i gradini ci sono le pietre tombali per ogni ronin. L’unica pietra sormontata da una statua è la tomba di Oishi.

Suggerimento: il Tempio Sengakuji, splendidamente conservato, è il posto ideale per chi ama i samurai. Ed è facile da raggiungere con la metropolitana è a pochi passi dalla stazione Sengakuji sulla linea della metropolitana Toei Asakusa. In alternativa, puoi raggiungerlo a piedi dalla Takanawa Gateway Station sulla linea JR Yamanote in meno di dieci minuti.

Ingresso al tempio è gratis, per il museo sono 500 yen (grosso modo 4 euro).

Parlano un ottimo Inglese, se sapete il Giapponese l’esperienza sarà, ovviamente, diversa.

Ultimo consiglio, se volete leggete questo libro: 47 ronin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...