I bottoni di Napoleone

I bottoni di Napoleone, come 17 molecole hanno cambiato la storia (Napoleon’s Buttons) è un saggio dei chimici organici Penny Le Couteur e Jay Burreson, tradotto i italiano da Libero Sosio. Il libro racconta di come 17 gruppi di molecole, perlopiù organiche, abbiano influenzato la Storia o come queste influenzino la nostra vita quotidiana.

Ho iniziato a leggerlo su segnalazione di una persona. Posso dire di avere imparato numerosissime cose che ignoravo completamente. Il taglio è assolutamente storico, la parte chimica può essere letta da chiunque ed è ai minimi termini quale supporto alla parte storica, un lavoro ottimo sotto questo aspetto. Non bisogna avere studiato chimica per capire. Un libro super interessante, che ho consigliato e regalato a numerose persone, dai 16 anni in su.

Risultati immagini per i bottoni di napoleone
I bottoni di Napoleone

Certamente si deve avere una curiosità nei confronti della storia per apprezzare questo libro, ma leggerlo è indispensabile per capire quali conoscenze scientifiche, quali sostanze ed in che modo preciso hanno decretato la crescita degli imperi e dei costumi sociali del mondo. Capirete perfettamente tutto ciò che non avete mai capito dalla storia e il vero perchè new york fondata dagli olandesi è stata ceduta agli inglesi.

Così tutti capiranno bene da dove proviene la nostra economia moderna, la nostra ricchezza e la nostra ricerca. Da leggere, assolutamente. Consigliatissimo.

 

Annunci

Psyops, di Solange Manfredi.

Rieccomi dopo un paio di mesi.

Ho finito la lettura di un ECCEZIONALE libro, il quale mi fu regalato prima della mia partenza per il Giappone.

Sto parlando del libro di Solange Manfredi “Psyops”.

Importante lavoro di studio, spiega ed analizza la storia politica italiana nell’ultimo secolo: rapporti tra mafia, massoneria , politica , terrorismo ed ingerenze estere . L’ho volutamente letto in un mese, volevo studiarlo nei dettagli, non ho saltato nessuna delle spiegazioni e rimandi (che a volte occupano quasi l’intera pagina), le ho approfondite a una a una. Forse, perché spesso etichettata come complottista, l’autrice ha voluto trascrivere ogni fonte ed ogni riferimento a documenti ufficiali.
Una strana moda ha preso piede negli ultimi anni: se uno cerca di spiegare rapporti “scomodi” tra poteri (anche attraverso documenti ufficiali), non solo non viene ascoltato, ma è un complottista e se lo fa con un occhio di riguardo verso la gente comune, è anche un populista.

Secondo me, è un libro sconvolgente, semplicemente sconvolgente. Le informazioni riportate sono tali, che per poter far capire al lettore che non si tratti di una bufala per ogni singola frase sono riportate fonti, fonti e ancora fonti. Praticamente il grosso della pagina è occupato dalla citazione delle fonti, più che dal libro in sé.

Per questo secondo me varrebbe la pena acquistarlo, è un excursus storico inquietante che descrive, plausibilmente, le operazioni psicologiche che hanno condizionato il nostro paese, tra la prima guerra mondiale e l’epoca giù recente nella quale viviamo, al fine di sovrintendere la sovranità nazionale. Autrice capace e coraggiosa.

E’ un libro che consiglio a tutti.

GIAPPONE

18835679_10155586982705649_7158261597411379745_n.jpg

Finalmente!! Sono in Giappone.
La mia prima volta sul suolo Giapponese, eh si, sono stato in Cina, Tibet, Thailandia ma non ero mai stato in Giappone. Il Giappone si mostra subito in tutta la sua bellezza, complessità, e il suo “affollamento”.

Premetto subito, viaggiare in Giappone non è più semplice né più difficile che in altri Paesi. Gira il luogo comune che sia un Paese astruso, impenetrabile, ostico, cavolate!! Non è così e tutto sommato viaggiare in Giappone, anzi è piuttosto semplice.

Continua a leggere GIAPPONE

The Big Short – La grande scommessa.

The Big Short (la grande scommessa), film il quale avrei voluto recensire quando uscì nel 2015.  Il Film è spirato ad eventi e personaggi reali, segue le storie simultanee di tre gruppi di persone che hanno scoperto le basi per la crisi finanziaria del 2007-2008 e riescono a ricavarne enormi profitti. Michael Burry il manager di un hedge fund , l’investitore Jared Vennett, dirigente della Deutsche Bank di New York e Charlie Geller e Jamie Shipley due giovani investitori arrivisti.

Continua a leggere The Big Short – La grande scommessa.

Come ho “Imparato” il Cinese.

mano-italia-cina.jpg

Come tutti ho studiato fin da piccolo l’inglese e oggi posso dire di aver raggiunto un livello tale da essere quasi un madre lingua. Successivamente mi sono dedicato allo studio dello spagnolo, dicendomi: “se studi queste due lingue parli con il mondo”, vero solo in parte.
Oggi giorno, come tutti noi possiamo vedere, altre due lingue sono richieste a livello mondiale e saperle aiuta non poco ad ottenere prestigiosi posti di lavoro, parlo dell’arabo e del cinese.

Continua a leggere Come ho “Imparato” il Cinese.

Le tecniche di manipolazione sociale. Fake News di Enrica Perucchietti.

Oggi parlo di un libro che mi regalarono Fake news, tema scontate oggi giorno.

Il libro è stato scritto da Enrica Perucchietti, grande donna, grande giornalista e grande scrittrice.

La prima cosa che mi ha colpito fin da subito è stata la struttura del libro “FAKE NEWS” (Arianna Editrice) visto che segue il capolavoro di George Orwell 1984, il romanzo “Complottista” per eccellenza da cui è stato tratto il celebre concetto di Grande Fratello. Questa struttura permette di immergersi nel mondo orwelliano vivendo, così, l’esperienza “dall’interno”, come se si trattasse di un romanzo o un film. Il problema è che FAKE NEWS non parla di un mondo frutto di una mente molto creativa, ma della realtà che viviamo tutti noi ogni giorno.

Continua a leggere Le tecniche di manipolazione sociale. Fake News di Enrica Perucchietti.

Introduzione al Kung Fu e lingua cinese.

Se dico “Kung Fu” a cosa pensate? Bruce lee? Kung Fu Panda? Shaolin?!!

logo-communay-kungfu.jpg

E’ un ottimo inizio, ma il Kung fu è anche altro.

Ho iniziato la pratica delle arti marziali all’età di 13 anni e per 8 anni ho praticato lo stile di Karate Gojuryu. Poi per vari impegni universitari e lavoro ho dovuto sospenderlo raggiunto la cintura nera. Negli anni successivi dopo la laurea e l’inizio del master ho del tutto accantonato le arti marziali e la filosofia che ci sta dietro.

Continua a leggere Introduzione al Kung Fu e lingua cinese.

Parte Seconda. Finestra di Overton e Manipolazione Mentale.

L’uso della finestra Overton è il fondamento della tecnologia di manipolazione della coscienza pubblica finalizzata all’accettazione da parte della società di idee che le erano precedentemente estranee e consente l’eliminazione dei tabù. L’essenza di questo metodo sta nel fatto che l’auspicato mutamento di opinione deve perseguirsi attraverso varie fasi, ciascuna delle quali sposta la percezione ad uno stadio nuovo dello standard ammesso fino a spingerlo al limite estremo. Ciò comporta uno spostamento della stessa finestra, ed un dibattito polemico ben governato permette di raggiungere la fase ulteriore all’interno della finestra.

la prima parte la trovate qui.

Continua a leggere Parte Seconda. Finestra di Overton e Manipolazione Mentale.

Finestra di Overton e Manipolazione Mentale.

Ho deciso di parlare di un tema poco conosciuto ma vitale nelle nostre vite. Sia che ne siamo a conoscenza sia che non ne siamo consapevoli questo schema influenza le nostre scelte, i nostri pensieri e opioni. Sarà suddiviso in due parti per l’estenzione dell’argomento.

Quasi tutti avrete sentito dello scandalo Facebook e di Cambridge Analytics, per altro coinvolta nel caso Regeni.
Per alcuni queste inforamazioni non saranno una grossa novità, voglio dire essendo Facebook una azienda privata che fornisce un servizio, quando accettate i termini, in teoria, dovreste essere consapevoli che i vostri dati potrebbero essere ceduti a terzi. Mentre altri saranno rimasti totalmente sconvolti da questo “scandalo”, anche perché per la prima volta si parlava di manipolazione elettorale attraverso i social.

Continua a leggere Finestra di Overton e Manipolazione Mentale.

Note di viaggio, la mia avventura in Tibet.

 

Nel mio articolo “il Ritorno” ho delineato il perché non ho più curato il blog.
Alla fine dell’articolo ho accennato che avrei parlato del mio viaggio in Tibet ed eccolo qui.
Vanno fatte delle premesse.

  1. Tutto ciò che scriverò è la mia esperienza personale, sia in positivo che in negativo
  2. Andare in Cina e Tibet non è un viaggio che va affrontato alla leggera, le autorità cinesi non scherzano con i visti da avere per accedere a varie parti del paese.
  3. Vi servirà il TTB Permit (Tibet Tourism Bureau Permit o Tibet Entry Permit)
  4. Non sarà una guida sul Tibet o la Cina, su internet ce ne sono un sacco e anche ben fatte. Questa qui la ritengo ottima.

https://www.saporedicina.com/viaggio-in-tibet/

https://www.saporedicina.com/visto-per-la-cina/

  1. Quando parlerò della Cina in negativo tenete a mente che NON sarà un attacco al popolo cinese in sé, né alla loro cultura e storia.
  2. Se potete avere l’occasione visitate il Tibet, andate, una volta nella vita andrebbe fatto.
  3. Non sarà uno di quei racconti interminabili, ne ho visti svariati su internet dove raccontano praticamente tutto il viaggio e sono sicuro quasi nessuno avrà mai finito di leggere cosa avevano da dire. Quindi sarò breve e conciso mi preme di più far conoscere una certa realtà del Tibet.

 

Continua a leggere Note di viaggio, la mia avventura in Tibet.